Categorie
Salute & Benessere

Combattere il mal di schiena: le cose da non fare

Il mal di schiena è uno dei fastidi più comuni tra le persone. Esso colpisce uomini e donne di qualsiasi età e, nei casi più gravi, può risultare estremamente fastidioso e debilitante per chi ne soffre.

Nonostante possa interessare qualsiasi tratto del dorso, il mal di schiena tormenta soprattutto la cosiddetta zona lombare (lombalgia) in quanto è questa la zona in cui si concentra gran parte del peso del corpo e dei carichi al momento del loro sollevamento.

Nella maggior parte dei casi, il mal di schiena, è dovuto a problemi di natura muscolare. Tra i fattori che favoriscono il mal di schiena figurano abitudini di vita scorrette, ansia e stress. Questo, inoltre, può manifestarsi in varie forme: come un dolore sordo o lancinante.

Come evitare il mal di schiena

Per evitare il mal di schiena è necessario assumere e mantenere posture corrette sia quando si è svegli che durante le ore di sonno.

Il mal di schiena non si presenta mai all’improvviso, anzi, il nostro corpo ci lancia dei segnali che però non sempre cogliamo. Quando rimaniamo per molto tempo in piedi, per esempio, la schiena comincia a dolere. In questo caso, sarebbe opportuno accoccolarsi sulle gambe facendo così allungare e distendere la colonna lombare.

Per le donne, invece, i dolori alla schiena potrebbero essere causati dell’utilizzo di scarpe con tacchi superiori ai 5 centimetri di altezza.

Per evitare problemi alla schiena sarebbe utile ricordarsi, quando si solleva un oggetto pesante, di flettere le ginocchia ed alzarsi facendo leva sui muscoli delle gambe, altrimenti si rischia di incorrere nel cosiddetto “colpo della strega”. Altra buona regola da seguire quando si deve sorreggere o sollevare un peso è quella di avere le braccia vicine al corpo per non far tendere troppo i muscoli degli arti superiori che trasmetterebbero questa tensione ai muscoli e ai legamenti della colonna vertebrale.

Categorie
Salute & Benessere

Problemi alla tiroide: sintomi e cause

Vi sentite stanchi, deboli e avete difficoltà a dormire? probabilmente la causa è un disturbo della tiroide.

La tiroide è una ghiandola che controlla il corretto funzionamento del metabolismo. Il suo compito è quello di produrre ormoni che aiutano il corpo a far funzionare il cervello, il cuore e a produrre energia. In genere, la tiroide non solo controlla il metabolismo del corpo ma anche il ciclo del sonno, gli occhi e le alterazioni dell’udito. 

Purtroppo se la tiroide non funziona correttamente può causare diversi problemi di salute come ad esempio la presenza di cisti e, in casi più gravi, portare a tumori tiroidei. In questo articolo andremo ad analizzare le cause più comuni che vi portano a pensare che siete in presenza di una disfunzione della tiroide.

Sintomi più comuni di un problema la tiroide

I sintomi più comuni che possono farvi pensare che avete problemi toroidali sono:

  • Unghie e capelli fragili: un sintomo che può far pensare di avere problemi alla tiroide è avere le unghie molto fragili che si staccano prematuramente. Stesso vale per i capelli che possono cadere ed assottigliarsi.
  • Irregolarità cardiaca: poiché la tiroide regola anche l’attività cardiaca, potreste riscontrare dei problemi come, ad esempio, le palpitazioni;
  • Difficoltà a dormire: qualora più volte vi svegliaste durante la notte e vi sentiste molto stanchi al risveglio il problema potrebbe essere il malfunzionamento della ghiandola tiroidea;
  • Sudorazione: un campanello d’allarme che può spingere a far pensare che c’è un malfunzionamento della tiroide è l’intolleranza al caldo. In pratica, quando la tiroide non funziona correttamente la temperatura del corpo aumenta e di conseguenza anche la sudorazione;
  • Problemi di peso: qualora riscontriate un calo o un aumento di peso eccessivo è possibile che si riscontri un problema di tiroide;
  • Ciclo mestruale irregolare: anche il ciclo mestruale irregolare può essere influenzato da un problema alla tiroide.

Problemi alla tiroide: cause

Tra le principali cause di possibili problemi alla tiroide ritroviamo l’ipotiroidismo e ipertiroidismo. L’ipertiroidismo si manifesta quando la ghiandola della tiroide produce ormoni in eccesso, in caso contrario si parla ipotiroidismo. I principali sintomi dell’ipertiroidismo sono: calo di peso, nervosismo e tachicardia; mentre quelli di ipotiroidismo sono: stanchezza fisica, aumento di peso, cute fredda ma anche scarsa concentrazione.

Un’altra causa che può portare a problemi di tiroide è il fumo. Quando si fuma il rischio di avere problemi di ipertiroidismo è davvero alto. Inoltre, anche il consumo di determinati farmaci ricchi di iodio può portare ad avere problemi alla tiroide.

Come curare i disturbi della tiroide

Le soluzioni per curare la tiroide ovviamente devono essere prescritte da un medico specialista. Sicuramente per capire se la tiroide funziona correttamente verranno prescritte delle analisi del sangue che valutano gli ormoni della tiroide. Oppure, in caso di patologia accertata, potrebbero essere prescritte ecografie, scintigrafie e l’agoaspirato tiroideo.  Poiché le cause e i sintomi legati ad un malfunzionamento dalla tiroide sono tanti, il nostro consiglio è rivolgersi immediatamente ad uno specialista che saprà consigliarvi farmaci specifici e una dieta equilibrata per combattere questo problema.

Categorie
Salute & Benessere

Come combattere la cervicale

Sicuramente uno dei problemi più diffusi che affligge la maggior parte della popolazione è la cervicale. Il dolore cervicale colpisce la zona più alta della colonna vertebrale ed è davvero doloroso se non curato in tempo. Si tratta di un disturbo che si manifesta generalmente con il torcicollo o con una sensazione di pesantezza in corrispondenza del collo. Purtroppo non tutti sanno che i dolori dovuti alla cervicale possono manifestarsi, non solo in corrispondenza del collo, ma anche in altre parti come ad esempio nella zona della spalla. Inoltre, in alcuni casi può manifestarsi con sintomi ben più dolorosi.

In genere il dolore cervicale colpisce chi fa lavori sedentari, chi assume posture scorrette e, nei casi più gravi, colpisce chi ha subito eventi traumatici. In questo articolo andremo ad analizzare le cause ed i sintomi più comuni della cervicale, per poi consigliarvi dei rimedi naturali per combatterne i dolori. 

Sintomi e cause della cervicale

Il dolore cervicale si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Torcicollo: questo è il primo sintomo che si manifesta con la sindrome della cervicale. Fortunatamente è un dolore di breve durata e la persona che ne soffre è impossibilitata a ruotare il collo o a fletterlo in altre direzioni. Questo sintomo appare soprattutto quando assumiamo delle posizioni scorrette o a causa di un colpo di freddo. A questi disturbi possono associarsene altri come ronzii alle orecchie ed anche vertigini;
  • Cervicalgia: si tratta di un dolore che si manifesta dietro l’orecchio ovvero nella parte laterale del collo. In genere la cervicalgia può essere dovuta ad un colpo di freddo ma in casi più gravi la causa può essere riconducibile all’artrosi o anche ad una riduzione della rima articolare. Si tratta di un dolore che parte dal collo e può irradiarsi in tutti gli arti, anche quelli inferiori;
  • Colpo di frusta: questo sintomo in genere si manifesta in seguito ad un tamponamento d’auto e colpisce il tratto inferiore della cervicale. Altre cause possono essere associate ad una brusca caduta o ad un tuffo nell’acqua. A differenza del torcicollo, il dolore del colpo di fusta non compare subito ma dopo un certo tempo, ad esempio un giorno o più;
  • Cervicobrachialgia: è un dolore che parte della spalla, colpisce il gomito fino ad arrivare alle dita della mano. In genere, la cervicobrachialgia si manifesta con formicolii, bruciore e ipersensibilità a carico di uno o più arti superiori. La causa più comune è la compressione del rachide cervicale che è situato tra la colonna vertebrale e la nuca.

Cosa fare per rimediare ai dolori cervicali

Per rimediare ai disturbi cervicali sono diverse le cose da fare. Ovviamente, in primis, bisogna consultare il medico di famiglia o medici specializzati per assicurarsi che il vostro dolore sia effettivamente causato dai problemi cervicali. Il primo errore, infatti, è quello di non rivolgersi ad un medico ma piuttosto pensare di risolvere il problema da soli. Gli specialisti in questi casi sono gli unici che possono aiutarvi a capire il problema e, se si tratta di una fase acuta della cervicale, sapranno consigliarvi delle cure specifiche.

Una volta capito il vostro problema, per prevenire il dolore cervicale è buona norma fare esercizio fisico ed effettuare degli esercizi di postura durante la giornata.

Per alleviare il dolore eseguite questo esercizio di stretching:

  1. Poggiare le basi dei pollici sulla mandibola;
  2. Premere contemporaneamente sui due lati;
  3. Flettere la testa a 40 gradi circa;
  4. Rimanere in questa posizione per circa 10 secondi.

Ripetere questo esercizio per tre volte. Oltre all’esercizio di stretching per alleviare il dolore cervicale è opportuno utilizzare oli essenziali sulla parte dolorante o applicare un impacco con sale grosso caldo sul collo.